VACCINAZIONE CONTRO L'ODORE DI VERRO
In cosa consiste la vaccinazione contro I'odore di verro?


La vaccinazione contro l'odore di verro è una soluzione sicura, affidabile ed estremamente efficace, che sfrutta il sistema immunitario del suino per controllare l'odore di verro. La vaccinazione offre diversi vantaggi:

  • È efficace quanto la castrazione fisica nel controllo dell'odore di verro.
  • Permette che i maschi interi sviluppino tutto il loro naturale potenziale di crescita, così che per raggiungere lo stesso peso corporeo è necessaria una quantità di alimento inferiore a quella richiesta dai suini castrati fisicamente.
  • Rende possibile la produzione di carne suina di qualità elevata, paragonabile a quella dei maschi castrati e delle scrofette.
  • È di facile utilizzo e può essere somministrato in modo sicuro da personale di allevamento appositamente addestrato.
  • Rende possibile la produzione di carne suina del tutto sicura per l'alimentazione umana.
  • È un'alternativa alla castrazione fisica che garantisce il benessere degli animali.
  • Aiuta a ridurre l'impatto ambientale della produzione suinicola e contribuisce alla sostenibilità dell'allevamento suino.


Di seguito sono riportate informazioni dettagliate sull'approccio vaccinale contro l'odore di verro:


Come viene praticata la vaccinazione?
Per poter praticare la vaccinazione contro l'odore di verro, l'allevatore deve avere una prescrizione veterinaria. Per il personale di allevamento la vaccinazione si presenta di facile esecuzione. Si devono tuttavia osservare procedure corrette per minimizzare il rischio di autoiniezioni accidentali. Per la vaccinazione basta semplicemente iniettare il vaccino in due diversi momenti (due dosi complessive) subito dietro il padiglione auricolare del suino. La vaccinazione controlla l'odore di verro con un'efficacia pari a quella della castrazione fisica. I dati complessivi degli studi condotti negli ultimi dieci anni dimostrano un'efficacia superiore al 99%. 3,12

Vai a inizio pagina

Come agisce la vaccinazione? 
Il vaccino induce il sistema immunitario del suino a produrre anticorpi specifici contro il GnRF. Questa azione inibisce temporaneamente la funzione testicolare e, di conseguenza, arresta la produzione e l'accumulo dei composti responsabili dell'odore di verro.



La vaccinazione induce la produzione di anticorpi specifici contro il GnRF, arrestando la catena di eventi che, nei testicoli, porta al rilascio di testosterone e di altri steroidi, compreso l'androstenone (il maggior responsabile dell'odore di verro). Oltre a ciò, il più basso livello di steroidi consente al fegato di metabolizzare e, quindi, di eliminare con maggiore efficienza lo scatolo, ossia l'altro composto principale che contribuisce all'insorgenza dell'odore di verro.

Il vaccino offre pertanto una soluzione al problema dell'odore di verro che salvaguarda il benessere animale ed è più sostenibile dal punto di vista ambientale. D'altra parte esso consente anche a tutti i soggetti operanti nella catena produttiva suinicola di approfittare dei vantaggi di performance associati a una crescita naturale dei maschi interi, pur mantenendo una elevata qualità organolettica delle carni.
 

David Hennessy, M. Agr. Sci., Ph.D.
Senior Special Projects Manager
Zoetis
Sviluppatore del primo vaccino commerciale contro l'odore di verro

Trascrizione del testo del video

Vai a inizio pagina

Quando va praticata la vaccinazione?
Per un efficace controllo dell'odore di verro la vaccinazione deve essere praticata due volte:

  • Il momento della prima dose è relativamente flessibile.
  • Tra la prima e la seconda dose devono trascorrere almeno quattro settimane.
  • La seconda vaccinazione deve essere praticata da quattro a sei settimane prima della macellazione.
  • Dopo la seconda dose la crescita dei testicoli del verro si arresta.




 

Il piano vaccinale appena descritto, per il quale i suini rimangono attivi sessualmente fino a poche settimane prima della macellazione, è stato ampiamente verificato negli allevamenti suini in numerose parti del mondo, ma potrebbe risultare non appropriato in quei sistemi a produzione tipica dove i suini vengono allevati a pesi uguali o superiori ai 160 kg di peso vivo.

Vai a inizio pagina

La vaccinazione è sicura? 

Sicurezza per il personale di allevamento
Negli ultimi 10 anni, sono state somministrate in modo sicuro milioni di dosi di vaccino ad opera di personale di allevamento appositamente addestrato. L'osservanza dei protocolli di sicurezza e l'utilizzo di un iniettore appropriato (dotato di moderni dispositivi di sicurezza) riduce la probabilità di un'autoiniezione accidentale.

Sicurezza per i consumatori
La carne suina proveniente da maschi vaccinati è assolutamente sicura per l'alimentazione umana. Analogamente alla maggior parte dei vaccini, il vaccino contro l'odore di verro non lascia nelle carni alcuna traccia di sostanze che possano compromettere la salute dell'uomo. Esso non stimola la secrezione di ormoni, non apporta ormoni al suino, e non contiene OGM.13

L'esperienza mondiale fatta con il vaccino si fonda su più di 10 anni di utilizzo in Australia e Nuova Zelanda e più di due anni in Sud Africa, Brasile, Messico e in altri paesi, nel corso dei quali i consumatori hanno tratto vantaggio dalla carne suina prodotta con uso del vaccino.

Sicurezza per gli animali
Il vaccino è un'alternativa alla castrazione fisica che assicura il benessere degli animali, eliminando le complicazioni associate alla castrazione fisica quali le infezioni e la mortalità. La somministrazione del vaccino a milioni di suini per più di 10 anni si è dimostrata sicura. Gli studi effettuati indicano che nei suini il vaccino non causa alterazioni dei valori di laboratorio (parametri ematochimici ed ematologici), e non causa effetti indesiderati a livello di comportamento, appetito o salute generale.14

Vai a inizio pagina

Quali sono i vantaggi della vaccinazione?

Maggiore efficienza nella produzione di carne suina
Siccome la castrazione fisica in età precoce riduce la crescita naturale e l'efficienza metabolica dei suini maschi, la sua sostituzione con una vaccinazione consente ai maschi interi di sviluppare tutto il potenziale di crescita naturale, che si può riflettere in un più rapido raggiungimento del peso commerciale. Gli studi dimostrano che per conseguire un determinato peso i suini maschi sottoposti a vaccinazione hanno bisogno di una quantità di alimento inferiore a quella richiesta dai suini castrati fisicamente.3-4,15-20 Oltre a ciò, in alcuni studi, i suini vaccinati sono cresciuti più rapidamente di quelli sottoposti a castrazione fisica.4,16-17,19-20

Carni di qualità elevata
I maschi vaccinati producono carne di qualità elevata, paragonabile a quella prodotta da suini castrati fisicamente e da scrofette. Inoltre, i maschi vaccinati hanno meno grasso corporeo, e la loro carne è più magra di quella di suini sottoposti a castrazione fisica. Nonostante ciò essa mantiene la stessa elevata qualità organolettica della carne di suini castrati fisicamente e di scrofette.4-25 La percentuale di grasso intramuscolare (un fattore associato al sapore, alla succosità e alla tenerezza) è simile a quella dei suini castrati fisicamente e delle scrofette.4,13,22-25

Salvaguardia del benessere animale
L'uso di un vaccino per controllare l'odore di verro è un'alternativa che garantisce il benessere degli animali ed elimina le complicazioni della castrazione fisica quali le infezioni e la mortalità. Le incisioni dovute alla castrazione fisica possono infettarsi, aumentando l'incidenza delle malattie o determinando addirittura un decorso fatale.

Ridotto impatto ambientale
La vaccinazione contro l'odore di verro contribuisce a ridurre l'impatto ambientale della produzione suinicola e concorre alla sostenibilità dell'allevamento suino. Un migliore indice di conversione degli alimenti significa che i maschi interi consumano una quantità di alimenti inferiore. Inoltre, gli animali producono anche meno deiezioni, riducendo l'entità dei rifiuti di allevamento da smaltire.

Oltre a ciò, il vaccino non contiene sostanze chimiche o microrganismi che possano costituire un rischio per l'ambiente.

Vai a inizio pagina 

 

Avanti - L'opinione degli esperti



Bibliografia

#